Mobilità 2020-2021

 

 

Il personale docente potrà presentare domanda dal 28 marzo al 21 aprile 2020. Entro il 5 giugno si concluderanno gli adempimenti di competenza degli uffici periferici del Ministero. Gli esiti della mobilità saranno pubblicati il 26 giugno.


Il personale educativo potrà fare domanda nel periodo 4-28 maggio 2020, gli adempimenti saranno chiusi il 22 giugno, la pubblicazione dei movimenti avverrà il 10 luglio.


Gli A.T.A. potranno presentare domanda fra l’1 e il 27 aprile 2020, gli adempimenti saranno chiusi entro l’8 giugno, gli esiti saranno pubblicati il 2 luglio.


Per i docenti di religione cattolica, la presentazione delle domande è prevista dal 13 aprile al 15 maggio 2020. Mentre gli esiti dei movimenti saranno pubblicati l’1 luglio 2020.


ATTENZIONE

NON possono presentare domanda di mobilità i docenti che:
 
  • nella domanda di trasferimento/passaggio dello scorso anno  hanno ottenuto una scuola indicata puntualmente nella domanda a meno che non usufruiscano di una precedenza o non abbiano presentato domanda perché perdenti posto. Tale blocco triennale riguarda tutti i docenti di qualunque ordine e grado e indipendentemente dal canale di reclutamento.
  • i docenti inseriti nella graduatoria del concorso 2018 ex FIT entro il 31/12 (o mesi successivi) quindi con riferimento al DM 631 del 25 settembre 2018 hanno il blocco quinquennale nella stessa scuola e,dunque, non potranno chiedere trasferimento o passaggio. Gli altri docenti sempre ex FIT, individuati però entro il 31/8 (DDG 85/2018) e che hanno già svolto il FIT  (contratto a TD ecc.) e riconfermati o no sulla scuola in cui hanno svolto il percorso, non rientrano nel blocco 
  • i docenti neoassunti in ruolo a partire dal 1 settembre 2020 avranno il blocco dei 5 anni nella stessa scuola di assunzione  (legge 159/2019). Il  blocco riguarderà tutti, indipendentemente dal canale di reclutamento (GAE, Concorsi 2016, concorsi 2018 e successivi compresa la “call veloce” o la possibilità di inserirsi in coda al concorso 2018 in altra regione) e dal grado o ordine di scuola di assunzione. Il blocco, si ricorda, non riguarda solo i trasferimenti o i passaggi ma anche le assegnazioni o utilizzazioni

 

Mobilità personale ATA ex LSU, sottoscritto il contratto integrativo

In data 8 aprile 2020 è stata sottoscritta al Ministero dell’Istruzione l’ipotesi di contratto integrativo (CCNI) per la mobilità del personale ex LSU assunto a seguito del DDG 2200/19. Il contratto prevede l’attribuzione della titolarità presso l’istituzione scolastica su cui è stata effettuata l’assegnazione all’atto dell’assunzione in servizio. Prevista inoltre l’attribuzione della titolarità su posti coperti a tempo parziale: in presenza di più immissioni in ruolo part time con assegnazione alla stessa istituzione scolastica, sarà attribuita la titolarità sullo stesso posto ogni due assunti a tempo parziale.
L’intesa raggiunta è stata fortemente voluta dalla Cisl Scuola; in assenza del CCNI si sarebbero determinate fortissime criticità per la tenuta degli organici per il profilo di collaboratore scolastico e per le successive operazioni di assunzione in ruolo.
Il personale ex LSU potrà ancora essere interessato dalle seguenti operazioni:

  • fase nazionale (riservata agli assunti part time e a chi non fosse rientrato nel contingente delle assunzioni): gli interessati potranno fare domanda, tramite istanze on line, esprimendo rispettivamente una provincia diversa per il posto full time o per poter essere assunto
  • successivamente, una fase di mobilità straordinaria, per la quale varranno le precedenze previste dal CCNI sulla mobilità, per lo spostamento, ultimata la fase nazionale, sui posti rimasti disponibili del contingente di 11.263 posti